martedì 7 giugno 2016

Giovani anarchici del gruppo “Bruno Misefari” di Reggio Calabria (1968)

Giovani anarchici del gruppo “Bruno Misefari” di Reggio Calabria (1968)


CHIARIFICAZIONE


I giovani del gruppo anarchico di Reggio Calabria, che furono l’inizio del risveglio libertario in questa regione sia verso l’esterno che verso quei militanti anziani (imborghesitisi) i quali avevano abbandonato per la maggior parte ogni attività associata ed anarchica, si rivolgono a tutti i compagni della Federazione Anarchica Calabro-Sicula ed a quelli che non vi aderiscono, per l’inizio di una chiarificazione.
Si è notato che il poco lavoro comune svolto da quando si è costituito il “movimento anarchico reggino” è sempre stato basato su un equivoco organizzativo accentuato dalla nascita della Federazione Anarchica Calabro-Sicula, la quale rischia di essere svuotata, pur partecipando in realtà alla maggior parte del lavoro organizzativo, di ogni consistenza, perchè scavalcata da un ipotetico “movimento”.
Tale equivoco si è rafforzato appunto con la creazione della Federazione Anarchica Calabro-Sicula, la quale, pur con un contenuto simile a quello della FAI-FAGI, si è voluta mantenere equidistante dalla FAI e dai suoi dissidenti. Non sappiamo se nelle altre località è avvenuto qualcosa di simile a quello che è avvenuto a Reggio dove si organizzano manifestazioni a nome di un movimento astratto e non ben definitosi. I giovani costituitisi recentemente in gruppo “Bruno Misefari” aderenti alla FAGI, propongono in sede locale l’inizio di una chiarificazione e contemporaneamente l’inizio di una attività organica nel seno della Fed. Anarchica Calabro-Sicula con una sede pubblica, e non da carbonari, per meglio svolgere una piano di lotta e di propaganda rivoluzionaria.
Questo piano di lotta deve essere su due livelli non distaccati: uno più interno alla Federazione con cicli di dibattiti, conferenze e discussioni per la formazione organizzativa e libertaria dei nuovi simpatizzanti e militanti, l’altro esterno rivolto ai problemi dei lavoratori, alle loro lotte ed al nostro impulso rivoluzionario, alle questioni internazionali (lotta anti-NATO, antiImperialismo, anti-elezionismo, problema spagnolo e solidarietà rivoluzionaria, ecc…) e così via.
I giovani del gruppo anarchico “Bruno Misefari” invitano tutti i compagni che faranno propria questa posizione a solidarizzare fattivamente con loro per un lavoro comune, in seno alla Federazione Calabro-Sicula, per un rafforzamento dell’ideale anarchico in Calabria e Sicilia.
Il Gruppo Giovanile Anarchico
“Bruno Misefari”  (FAGI)
Reggio Calabria, Gennaio 1968

Nessun commento:

Posta un commento