venerdì 26 maggio 2017

Without Borders - ITALY - Rome

Rome

Vestirsi nell'antica Roma

Non è riuscita a capire che è diventata una metropoli, non ce la fa proprio. Basta andare un giorno in una qualsiasi grande città europea per accorgersene. Anche se non potrei vivere un sampietrino più in là, io Roma non la riconosco più. È diventata brutta, scomposta, estranea a se stessa. Non è più un'unità, ma è una somma di almeno sette città con anime diverse. Periferie che non si conoscono l'una con l'altra.
 (Gigi Proietti)










Quote rosso1.png Tutte le strade portano a Roma Quote rosso2.png

~ Navigatore satellitare su Roma
Quote rosso1.png Malimejomortaccituaedechinuntecemannastinfamecorbottositepijotesfonno! Quote rosso2.png

~ Catullo a Marziale
Roma, o Caput Mundi o L'Urbe o Città eterna o Roma Ladrona!, è la capitale della cristianità, la capitale d'Italia, la capitale del Vaticano, la capitale dell'impero romano e la capitale della coda di bue alla vaccinara. È considerata una delle città più belle del mondo, ma solo dai romani.

Oliver-Bonjoch - Opera propria
Veduta aerea di Roma

A Londra, tranne il Papa, c'è tutto. A Roma, tranne tutto, c'è il Papa.
 (Pino Caruso)

Raffaele Fazioli Photographer Roma

"Non sollevate la mia testa dalla terra insanguinata, | non portate a casa il mio corpo, | poiché tutto il mondo è terra di Roma | e, dunque, io morirò a Roma".
(Gilbert Keith Chesterton, La ballata del cavallo bianco)

Veduta panoramica di Roma dalla cupola di San Pietro
View from Stpeters.jpg: William Hall Derivative work including cropping the bottom: Julian Herzog - Life in Megapixels

Oh Roma! mia patria! città dell'anima! 
(George Gordon Byron)

 Via Salaria
 pinkoepallina Roma

Ricca matrona romana in contemplazione nella sua Villa che domina sul mare, da un dipinto di Pavel Svedomskiy.
Pavel Svedomsky - http://m-necropol.narod.ru/svedomskiy.html
Roman Woman at a Reservoir

O Roma, il cui segreto nome Iddio ci ha rivelato, eterna città, o patria del cuor mio, chi ti rammenta e non s'inchina, o termine di consiglio eterno, più non intende il mistero de' secoli. Come alle forze unite una forza, e a' membri viventi l'anima, o il sole a' pianeti, e al concorde veleggiare degli astri per lo spazio interminato un'unica meta, com'a' pensieri melodiosi un'idea, e a' consorti amori un amore, o agli spiriti uno spirito che tutti gli abbraccia, tu, o Roma, sei l'unità dell' unione, centro de' tempi, universalità del genere umano. 
(Augusto Conti)



Storia e geografia


La leggenda narra che Romolo (ex-nano di Biancaneve) e Remolo (soprannominato Remo) abbandonati in un cassonetto sulla via Appia da una famiglia Rom, furono allevati da una pantegana gigante, che nel folklore popolare è poi diventata una lupa. Cresciuti giunsero a Roma in treno e dopo aver lasciato la stazione Termini, cominciarono a costruire le loro ville (abusive) sui sette colli, a cui diedero il nome di Esquilino, Palatino, Avellino, Campidoglio, Campidoglio 2 la Vendetta, Colle Salario e Vinavil-Colle Vinilico. Roma è attraversata da due fiumi: il Tevere e la metropolitana romana.
Roma fu prima una monarchia, poi una tetrarchia, poi un fast-food, poi un impero, poi un'IKEA, poi una repubblica, poi di nuovo un impero aperto 24 ore su 24, il tutto messo su in un giorno.
Dopo anni di trasferte insidiose, tra le quali il famoso 5-4 con Cartagine, Roma ha conquistato un impero che andava da nord a sud passando per l'est e girando a ovest prima dell'incrocio. Il suo esercito (vedi: esercito romano) era talmente invincibile che molte cronache belliche dell'epoca finivano tutte con: "quae palles!". L'unico popolo che Roma non riuscì mai a sconfiggere definitivamente con il famoso colpo della "fatality" fu quello dei Parti.
I re o gli imperatori che si succedettero sul trono di compensato furono:
  • Romolo e Remolo
  • Ancora M'arzio
  • Servio Tullio
  • Servio Sterzo
  • Er Monnezza
  • Er Cipolla
  • Tarquinio il Tarchiato
  • Tarquinio il Bastardo
  • Tarquinio il Supereroe
  • Scipione il Mellone
  • Silla e Super Mario
  • Gaio Giulio Cesare
  • Nerone Burning Rom
  • Russel Crowe
  • Paulo Roberto Falcao
  • Cola di Rienzo
  • Bombolo
  • Pisolo
  • Er Libbanese
  • Er Piotta
  • Fulvo Pubico Rutello
  • Valtius Veltrone
  • Janni Alemannus
  • Ignatius Marinatis
  • Francesco I, detto Er Cucchiaio
Ad un certo punto, per la noia, l'impero si divise in due parti: l'Impero Romano Occipitale e l'Impero Romano Delle Terre Che Rimangono Senza Considerare Quelle Dell'Occipitale. Dopo la caduta dell'Impero Romano Occipitale con conseguente frattura multipla del perone, Roma divenne capitale della religione di MADONNASANTODDIO!
Per la città passarono in seguito un po' tutti i popoli, tra i quali i barbari. Essi erano i Visigoti, gli Ostrogoti e i Supergoti, detti anche i Goti Boys, che si susseguirono unno dopo l'altro e furono a dir la verità poco franchi e molto vandali. L'idea era stata presentata così: "Oggi gita a Roma, pranzo al sacco".
Passarono secoli di pulizie per rimettere a posto dopo il casino fatto dai barbari, nei quali però ci fu una fiorente attività artistica. Ricordiamo Andy Warhol che dipinse la Coppola Sistina con una scena della creazione conosciuta come Apocalypse Now.
Dopo uno spassoso scherzo a opera di Mussolini, un simpatico ometto pelato entrato poi nel folklore cittadino, Roma assurse a città del cinema italico. Negli ultimi anni Roma è al centro di innovativi ed originali progetti che mirano a rubare oltre ai soldi anche le idee e le tradizioni delle altre città proporre sul panorama italiano un ventata di modernità, tra cui:

  • Il gran premio di Roma
  • Le Olimpiadi di Roma
  • Il Festival del Cinema di Roma
  • Rinominare il Tevere come "Canal Grande di Roma"
  • Rinominare il Teatro dell'Opera come "Teatro alla Scala di Roma"
  • Rinominare il colle Aventino col nome di fantasia di "Vesuvio"
  • Costruzione del "Duomo di Firenze di Roma"
  • I mondiali di Lancio dell'Estintore di Roma, validi per la qualificazione olimpica di Londra 2012

Monte Mario, sede di una delle stazioni meteorologiche di Roma

Nessun commento:

Posta un commento